lunedì 4 novembre 2013

- genitore 1...genitore 2...

...e se invece fosse solo Genitore?
 
In questi giorni si è sentito di tutto, genitori che fanno prostituire le figlie minorenni, altri che cacciano di casa i figli perché dichiarano di essere gay. Ma dico io, dove stiamo andando? Dove siamo l'ho già detto tempo fa, ma quello che disgusta e fa pensare "ma se non ami tuo figlio/a per quello che è, che caxxo campi a fare? chiuse le virgolette.
 
Una madre ripudia il figlio perché omosessuale. Il ragazzo cerca ospitalità dal nonno e questo scrive alla figlia:
 
 
 
Cara Christine: Sono molto deluso da te come figlia. Hai ragione, c’è un "disonore in famiglia", ma non hai capito quale. Buttare Chad fuori di casa semplicemente perché ti ha detto che era gay è il vero "abominio". Un genitore che disconosce il proprio figlio, ecco cos’è "contro natura". L’unica cosa intelligente che ti ho sentito dire in tutta questa faccenda è "non ho allevato mio figlio perché fosse gay". Certo che no. E’ nato così e non lo ha scelto, non più di quanto si possa scegliere di essere mancini. Tu, invece, hai scelto. Hai scelto di fare del male, di essere chiusa di mente e retrograda. Perciò, visto che stiamo giocando a disconoscere i figli, colgo l’occasione per dirti addio. Ora ho un favoloso (come dicono i gay) nipote da crescere, e non ho tempo per una figlia stronza. Quando ritroverai il tuo cuore, facci un fischio.
Papà.
 
Chapeau...
 
Kula Shaker - Persephone
 

20 commenti:

  1. Cara Gabby è la società ad essere marcia. Ho sempre sentito dire che un genitore difende sempre il figlio, chiunque esso sia.
    Si stanno perdendo valori importanti come la famiglia, il rispetto, la considerazione per le diversità. Oggigiorno la cronaca è piena di fatti negativi che riguardano genitori e figli. Probabilmente non è nemmeno colpa dei genitori perchè nessuno, a sua volta, gli ha trasmesso e insegnato quali sono i valori della vita.
    Amiamo questa vita e le persone che ci sono vicine, sono il bene più prezioso che abbiamo.

    Per diversificare un attimo, rendendo meno triste il fatto, sono curioso di leggere che tipo di bacio questa volta ti darà Piccirì.
    RobRoy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...hai detto bene RobRoy, è la stessa sensazione che ho io, è tutto marcio, i valori, mi sembra che si siano già persi. Quello che mi strazia è che NON è colpa di questi giovani, mi dispiace, dietro c'è una famiglia (se si può chiamare tale) assente o genitori che a loro volta sono degli incapaci.

      Piccirì ha fantasia, chissà da chi ha preso ;P

      Elimina
  2. Caspita! son senza parole...il padre ha saputo esprimere benissimo il dissapore verso la figlia e l'ha fatto da gran Signore!
    Ciao, buona settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Giglio, buona settimana anche a te.
      Già, e il nonno non è certo di una nuova generazione, ma ha capito e sa che un figlio è il bene più prezioso, non ci sono mariti, mogli, fratelli...i figli sono pezzi di noi, la parte migliore o peggiore comunque essi siano, giusti, sbagliati, sani e non, ladri o assassini.

      Un sorriso, a presto...

      Elimina
  3. W O W!
    Sai perfettamente cosa ne penso su questo argomento, e di quante battaglie ho portato avanti un il nostro "muro" di casa..non potrei riassumere meglio il mio pensiero se non appellandomi alla lettera che hai pubblicato!
    Un grande uomo e un grande nonno che, ancora una volta, ha dato un insegnamento alla propria figlia.

    A volte ci vuole troppo coraggio a capire e accettare, per questo che i più codardi fanno scelte stupide così.

    RobRoy..oggi do un bacio..con tanto di cappello! ;)
    Piccirì

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...eh lo so bene che il "muro" di gomma che abbiamo in casa è duro di comprendonio, ma penso che se gli fosse capitato...beh ama così tanto i suoi figli che, a parte il primo smarrimento...accetterebbe tutto da loro!

      Non solo è codardia, è paura di quello che non conosciamo, è per questo che c'è ancora così tanda difficoltà ad accettare un figlio...speciale!

      Bello il bacio :) grazie!

      Elimina
  4. E' proprio il caso di dire, IN CHE MONDO VIVIAMO!!! Ogni giorno notizie terribili e inimagginabili come le piccole prostitute!!
    Per i tuoi commenti ti ho risposto da me!! Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già nannarè, e non penso che sia solo un caso isolato...ti giuro che mi si accappona la pelle a pensarci...

      Un abbraccione, grazie!

      Elimina
  5. Questo sì che si chiama parlar chiaro!
    Senza ipocrisia dico che probabilmente non mi sarebbe piaciuto scoprire che uno dei miei figli fosse gay, ma non per me!...perchè so che ancora viviamo in un mondo che per lo più non sa accettare la diversità.
    Un figlio è un figlio, bello o brutto che sia, intelligente o meno, gay o etero, lo si deve AMARE e basta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sontyna siamo davvero sulla stessa lunghezza d'onda, come ho scritto sopra, sapere che il proprio figlio è gay può spaventare e destabilizzare al momento, ma poi...Dio mio, è tuo figlio!!!

      La paura per il mondo che lo accoglierà è legittima, ma se alle spalle ha una famiglia tosta...beh avrà sicuramente meno difficoltà!

      Grazie, a presto...

      Elimina
  6. sempre detto che al peggio non c'è mai fine ;) buona serata, ciao Andrea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Andrea, peggio di così si muore e...malamente anche!

      ciao e grazie...

      Elimina
  7. Il mondo va sempre peggio... Il mio parrucchiere è gay e quasi cinquantenne, è stato cacciato di casa che aveva 14 anni per il sudetto motivo e preso dal nonno. Non è questione di tempi di mode o altro, solo di amore e attenzione per i nostri figli.
    Grazie per il commento e la tua visita ^_^ Notte

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Saray. assolutamente i gay ci sono sempre stati, e solo l'intelligenza può supportarli....e chi meglio di un genitore?

      Elimina
  8. orsetto_bianco9 novembre 2013 14:30

    E'l'Italiettache abbiamo costruito tutti noi, ai giovani che modelli di successo stiamo dando? i miti sono i calciatori le veline i furbetti
    La scuola deve dare un pezzo di carta a tutti per indignare i genitori e poi con un po' di selezione gli insegnanti perdono il posto di lavoro...
    La tv trasmette solo sciocchezze, ieri ho assistito disgusrtato ad una trasmissione televisiva dove a discutere della prostituzione minorile non c'erano esperti ma una nota donna dello spettacolo abbastanza chiacchierata per la sua immoralità, scusami ma la classica attricetta che per avere successo l'ha data a tutti produttori... mancava solo la cicciolina
    Mamme che portano orgogliose le figlie ai concorsi di bellezza e sarebbero disponibili a spingerle nelle braccia di qualsiasi produttore le potesse spingere verso il successo
    Giornalisti che occupano posti di lavoro profumatamente pagari grazie a noi che paghiamo i debiti dei loro giornali e che hanno quel posto non certo per meritocrazia che ci fanno da educatori
    Il lavoro non esiste più e i lavori manuali vengono snobbati perchè non degni dei nostri pargoli che non vogliono studiare ma che ritengono anche il lavoro troppo pesante
    Una classe politica e dirigenziale impreparata, carriere basate sulle raccomandazioni non certo sulla meritocrazia Hai mai visto il figlio di un potente disoccupato o che fa il falegname???? un tempo i nobili almeno davano ai figli degli educatori rigidi ora i potenti comprano la laurea ai figli e poi le trovano un buon posto dirigenziale
    L'Italia è fallita economicamente ma questo sarebbe un problema che si risolve in pochi anni quando finalmente saremo governati da un dittatore oculato e onesto ma nessuno può fare miracoli, questo regime che qualcuno ritiene una democrazia non ha solo dissestato le nostre finanze, ha distrutto tutto moralità sani principi famiglia e per risalire da questa china ci vorranno uno o più cambi generazionali
    Scusami se sono così duro ma non so comprendere tutto questo stupore per una vicenda che avrebbe dovuta essere nota a tutti
    Ora con chi ce la prendiamo??? con i genitori di queste ragazzine???? certo sono colpevoli ma sono a loro volta vittime dell'ignoranza è chi sta in alto che dovrebbe dare esempio e regole morali e civili da rispettare

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono perfettamente d'accordo su quello che dici: i media, i politici, chi governa, chi dovrebbe educare, chi dovrebbe lavorare e chi dovrebbe andare a pelare carote.
      E' tutto marcio e tutto corrotto, e te lo dice una ragazza di 27 anni..che ha ben poca speranza e prospettiva davanti (adesso).

      Ma penso anche, e questo te lo dico da figlia, che non tutto deve essere ricondotto alla televisione o alla politica: il ruolo dei genitori e degli educatori è, appunto, EDUCARE e insegnare fin da subito i veri valori che ci rendono degni di essere chiamati uomini. Devono far capire cos'è il rispetto, si può non condividere o capire ma comunque rispettare; deve insegnare la dignità per se stessi e il valore del tempo in relazione all'esperienza.

      Quest'ultima cosa che ti scrivo, te la scrivo da lavoratrice, dato che lavoro nell'ambito della comunicazione e dei media: un genitore e un educatore hanno l'obbligo morale e civile di insegnare ai figli che la televisione è finzione, che non tutto quello che vedono e sentono è verità e che ragionare, pensare e porsi domande creano identità e indipendenza.
      Se le ragazzine di oggi sono anoressiche e "la mollano in giro" per una ricarica, non è SOLO colpa dei media e del governo.
      Se i giovani d'oggi non vogliono lavorare, sono violenti con il prossimo e le donne, e insultano gli omosessuali, non è SOLO colpa della società o della politica.

      Sono e siamo tutti responsibaili purtroppo.

      Un caro saluto,
      Piccirì

      Elimina
    2. Caro Orso, proprio ieri ne parlavo con mia sorella che ha una ragazzina di 13 anni...
      Noi siamo figlie di genitori che se dicevano NO e tu chiedevi "perché? la risposta era secca e senza ombra di obbiezione: " perché l'ho detto IO"....punto non si discuteva...ora quale genitore di NO?
      è più facile e più comodo essere distratti o in carriera, è più facile regalare un telefonino ogni 2 mesi per mettersi a posto la coscienza...i miei erano molto severi, e forse ORA, dico facevano bene!
      I tabù?? gran brutta parola a sentire quelli che hanno studiato, è vero, forse su tante cose si era ignoranti quando io ero adolescente, ma tanta pornografia e tanto schifo in giro non si vedeva...c'era il pudore, il rispetto per i minori, c'era una morale ora?

      Sai, nella pagina interna del blog, c'è una specie di contatore che dice quale sito è venuto su questo blog...ce ne era uno che mi suonava strano, uno strano browser, ho cliccato e mi sono travata spiattellata in piena pagina una bella signorina con la sua "natura" ben in evidenza.. era un sito porno con tanto di invito ad iscriversi...come ci sono arrivati su questo misero blog di una vecchia babbiona come me? Ecco quello che fa schifo...non ci sono più filtri né limiti, né qui dentro, né nella vita reale, tutto è concesso e... la chiamano libertà!

      Grazie, un abbraccio!


      Elimina
    3. Piccirì, di non aver fatto un cattivo lavoro lo sapevo già...ma me l'hai confermato con il commento sopra!

      Bacio orgoglioso!

      Elimina
  9. Sono d'accordo con quello che sopra, ma dove stiamo andando??
    Rabbrividisco quando sento genitori che si comportano come le notizie riportate in questi giorni.
    La lettera del padre alla figlia è molto bella!! una bella lezione ha dato alla figlia.
    Tua figlia ti ha lasciato un gran bel commento.Complimenti!!
    Anch'io penso di ave fatto abbastanza bene, come hanno fatto i miei, e spero che il mio nipotino abbia dei buoni genitori.
    Ciaoo e buon fine settimana!!
    un abbraccio!!

    RispondiElimina
  10. Eccomi carissima, sempre presa, ma oggi abbastanza il relax almeno fino alle 4..poi si riprende con i nipotini e altre cose!! Grazie degli auguri festeggeremo sabato...anche se sono a dieta dovro' sacrificarmi!! Un abbraccio

    RispondiElimina

Grazie per la visita, a presto...