lunedì 31 dicembre 2012

- Un altro giro di Valzer...





Ci si prepara ad un altro giro di valzer, ci si organizza per Capodanno: fuochi d'artificio, velluti e chiffon, paillettes, coriandoli cappellini e trombette....ma...

non mi presenterò a questo appuntamento, posso permettermi di "bigiare", di non entrare nel vortice dei brindisi a tutto ciò che è auspicabile, ai baci di sconosciuti, agli auguri forzati, ai sorrisi inventati, all'allegria a buon mercato...brindare a ciò che è passato non serve, il futuro è un'incognita e spaventa alla mia età e non solo, quindi salto, passo la mano, non mi interessa...basterà uno sguardo d'intesa "all'Uomo dei sogni" e tutto proseguirà come sempre, il tanto bistrattato 2012 se ne andrà con un piacevole silenzio, e... il 2013...
sarà come Dio vorrà.


Trecentosessantacinque Auguri !

A fine anno non tiro le somme, la matematica non è mai stata il mio forte. Spero di essere rimasto nel cuore di qualcuno o contrariamente nel cestino della carta di qualcun altro.

C. Bukowski







venerdì 28 dicembre 2012

- Tanti saluti ad un altro Natale...









E' passato... già, anche quest'anno è passato. E' stato un Natale strano questo, come se al dolce del panettone, si mescolasse l'amaro della consapevolezza che ci sono molti più infelici, più poveri, più ingiustizie, più incertezze...le "miserie" umane non si sono fermate in questi giorni, non hanno "festeggiato" loro, anzi, tutto è proseguito incurante delle festività....

Certo, io...io ho fatto quella telefonata all'amica che non sentivo da tempo, perchè... bisogna essere più buoni almeno a Natale... la verità è che, non lo si è mai abbastanza. Ho cercato di essere felice perchè ne ho diritto, mi sono sforzata, l'ho voluto, ma a volte non ci sono riuscita (per fortuna)... vuol dire che non sono ancora così sorda alla mia coscienza e che, il mio egoismo non ha preso il sopravvento...

Il tanto agognato 25 se n'è andato, e con lui anche quel malessere che sento da un po' di tempo quando si avvicina questo periodo, ora posso ritornare a valutare, capire, riflettere e riprendere in mano la mia razionalità e ritornare ad avere le mie......

Buon Domani...

 

CANTO DI NATALE - MODENA CITY RAMBLERS (MCR)

 

venerdì 21 dicembre 2012

- Seminare Affetto e Gentilezza...




"Ogni persona che incontri sta lottando con i propri problemi.
Sii gentile con lei.
Non potrai risolverli al suo posto ma la tua gentilezza forse la incoraggerà a non rinunciare.
La tua gentilezza può essere il miracolo che stava aspettando.
Spesso, senza saperlo, facciamo veri miracoli."

Gustav Birth


Gioia e Serenità a piene mani!


lunedì 17 dicembre 2012

- Magia...







"Credere ancora in Babbo Natale è una vera magia,
ma ancora più magico, è non vergognarsene…
"

pragmaticamente


Buon Dì...

 

Buon Natale . Merry Christmas

Pierangelo Bertoli

 

giovedì 13 dicembre 2012

- Chiara e concisa....





...e non ho altro da aggiungere!


Ps. Auguri a tutte le Lucie!

 

Santa Lucia - Francesco De Gregori & l'Orchestra Popolare Italiana di Ambrogio Sparagna

 

 

martedì 11 dicembre 2012

- Picci Piccirì...

                    
         Piccole donne son cresciute...e a Te...



A te auguro di avere accanto qualcuno con cui costruire il futuro che tanto desideri, e che ti pare tanto difficile, e ti auguro di vedere quanto stai diventando forte e bella ogni giorno di più.

A te auguro di trovare il sorriso, di quei sorrisi che partono dalla pancia, e ti rendono immune anche alle cose più pesanti della vita, al punto da farti ricordare che non sei mai sola.

A te... a te auguro di avere quello che vuoi, te lo auguro con tutto il cuore, ti auguro di averlo...ma prima di tutto ti auguro di capirlo. Perché poi, una volta capito, arriva, e se non arriva, si trova il modo di essere sereni ugualmente.

A te auguro un anno, che sia l'esatto contrario di quello passato: che tu "torni" invece di andare, che tu trovi invece di perdere, di ricevere oltre che dare, che tu possa imparare la gioia di una fragilità protetta.

A te auguro, di non aver paura di credere ancora anche dei "nonostante" e dei "malgrado", accettare le indecisioni da prendere e le decisione da perdere, e ti auguro di saper ringraziare anche l’ingratitudine.

A te auguro che arrivi il secondo uomo importante della tua vita, uno a cui non dover fare da mamma questa volta....perchè mamma non sei, ma sapresti essere tutto il resto.

A te auguro di diventare quello che sei già, ma non hai ancora il coraggio di lasciar venire fuori del tutto, perchè quando l'hai fatto, le ferite dell'indifferenza hanno lasciato cicatrici.

A te... a te auguro di continuare ad essere sempre così forte e fiera di te stessa perchè,

sai seminare Gioia, anche a scapito della tua.

(ispirato da No romance in China)



Buon Compleanno Piccirì...








giovedì 6 dicembre 2012

- Hello December...





...mi sono avanzati dei sorrisi e dei saluti...

Bene, li appoggio qui...servitevi...

Oggi S. Nicola, auguri al mio Babbo che festeggerà Lassù!





venerdì 30 novembre 2012

- Per i doMatori di lacrime come me...



Sensibilità, dove, come e quando...(ultima parte)






Ebbene sì, dicono che io sia INsensibile... eh già, soffro di ritenzione idrica, trattengo i liquidi, e quindi va da sè: non piangi, non sei sensibile...

Penso che la nostra sensibilità sia pari solo alle nostre emozioni, a ciò che accade dentro di noi in quelle circostanze che toccano l'IO profondo, quello più nascosto e quindi invisibile agli altri.

Le lacrime sono uno dei tanti modi di manifestare il proprio dolore, la gioia, la tristezza, e tanti altri stati d'animo che si hanno nella vita, ma chi di lacrime non ne versa, non è certo perchè quando venne distribuita la sensibilità era dal parrucchiere.

La sensibilità sta nell'intelligenza, l'intelligenza è la capacità di capire o meglio ancora di saper leggere oltre la superfice, cioè comprendere e lasciare, quando non vi sono parole, che il silenzio composto e partecipe diventi dono e ricchezza.

"Sensibile è colui che ha la delicatezza e l'infinito rispetto per l'armoniosa convivenza degli individui all’interno della società, dell’io che si rapporta al tu, vedendo sempre in esso, un soggetto di pari dignità."


E' pur vero che la persona sensibile è maggiormente esposta ad essere ferita, quindi può risultare più fragile agli occhi degli altri.. fragilità che spesso si manifesta con le lacrime finchè non si trova in sè stessi l'arma per affrontare l'ostacolo, oppure ci si crogiolerà nella propria debolezza affidandosi alle lacrime.

Non c'è nessun metro per misurare la sensibilità, nè si può comprare a chili, nè tantomeno quantificarla misurando, questo dono prezioso, con la quantità di lacrime che vengono versate... a volte sono proprio queste ultime, sinonime di una profondità che sta tutta in superfice!


Non basta versare lacrime per appartenere alla grande schiera di coloro che piangono: proprio come non basta accumulare parole per dire una parola vera.
Jean Cardonnel.


...e questo è quanto!


Place To Be (Nick Drake)





mercoledì 28 novembre 2012

- Per i custodi delle proprie lacrime...



Domanda del giorno...

L'Emotività è davvero sinonimo di Sensibilità? (parte 1)






Sono adulta da una vita.
Lo sono diventata troppo presto.
Succede.
E non mi è piaciuto.
Non mi è piaciuto perdermi la spensieratezza
e il disimpegno
e i capricci
e i sogni leggeri e stupidi.

(dott. Dania)


Già... succede, ma non consola...

Le lacrime che non escono si depositano sul cuore, con il tempo lo incrostano e lo paralizzano come il calcare incrosta e paralizza gli ingranaggi della lavatrice.
Susanna Tamaro

Se non piangi è perchè hai dovuto imparare presto e per troppo tempo ad essere forte.
Anonimo


...già, per ora è "tutto qua" ma il discorso continua perchè sta arrivando natale, e
a me mi girano vorticosamente le palle, quando sento fare alcune affermazioni del tipo: ".... quella madre? sembra una pietra, non è normale, non ha versato una lacrima..... (continua)






sabato 24 novembre 2012

- Paturnie libere...




" La poesia è corta per definizione....

- E. Montale


Se ti tirano una pietra

tu rispondi tirando un fiore

ma non dimenticare il vaso.

(letta da qualche parte)



Buon domani....






lunedì 19 novembre 2012

- Per chi sa di non sapere...






mia sponte...



E' capitato, in più di un'occasione che, mentre ero impegnata in qualche impegno impegnoso, il mio orecchio sensibile abbia catturato alla TV, nel mezzo di qualche discorso di non so chi e di non so che cosa, la frase: "di sua sponte".

Lì per lì la cosa mi suonò stonata, non mi piacque per nulla nè il suono nè la parola e, siccome la mia ignoranza è un pozzo senza fine, pensai che colui che l'aveva pronunciata volesse sembrare più giovane (o più moderno) usando uno slang giovanile (un po' tamarro) del tipo "oh raga".

La cosa si ripetè per parecchie volte, in altre occasioni e da persone diverse tra loro sia per prestigio che per cultura.

Così, per capire, non mi rimase altro che rivolgermi a San Gugol e...scoperta sua sponte è latino, e significa appunto "di sua spontanea volontà".

La locuzione non mi piace lo stesso, ma se non altro ho imparato che alcuni dovrebbero parlare come mangiano poichè è errato dire "di sua (mia etc.) sponte" poichè tale espressione in latino non ha bisogno di nessuna preposizione, quindi si dovrà dire : in italiano "di sua spontanea volontà" o tutta in latino "sua sponte" nuda e cruda (fonte Distanti Saluti)

Non si finisce mai d'imparare, io poi....gnuranta come poche... infatti i saputelli di casa subito pronti a chiosare " ma come, non lo sapevi? " e bravi loro....ringraziate chi vi ha fatto studiare a suon d' incazzature.

Isomma anche stavolta, mia sponte, per dirla alla Sgarbi:

CAPRA CAPRA CAPRA!!


 






venerdì 16 novembre 2012

- Comunicazione di servizio...



Un appello:




dal blog "Tra cumuli e Cirri" non si hanno più notizie di un ragazzo di nome Daniele detto Dè, qui però si firma con il nick-name Mr. JOE. Manca all'appello dal 23 ottobre dove è stato visto per l'ultima volta...

E' alto 1m e 75 cm circa, corporatura media, leggermente stempiato, occhi castani, nasino da far invidia alle sue amiche, barba incolta, discretamente figo, vive in Città.

Al momento della scomparsa, con assoluta certezza, indossava un paio di pantaloni, una maglia o una camicia, un paio di scarpe...

..non si sa se si è allontanato a piedi o con qualche mezzo di fortuna, con lui ha i documenti ma il telefonino risulta sempre occupato.

Di lui si sa che gli piace la birra, vive beatamente solo, gli piace cucinare ma ancor di più mangiare, ama la buona compagnia ma spesso, ahimè troppo spesso, frequenta persone malsane.

Chi ne avesse notizie, è pregato di lasciare un commento qui sotto nell'apposito spazio, o rivolgersi in qualche centro per alcolisti anonimi fornendo tutte le notizie.

Avvicinatelo pure con tranquillità, non è pericoloso, è di buon carattere e non manifesta disturbi di nessun tipo!

Cumuli e Cirri sono molto in pensiero per lui, e gli amici gli fanno sapere che lo aspettano con una notevole scorta di alcool di buona qualità!

Torna Mr. Joe...tutto si può risolvere!


Trani a gogò - Giorgio Gaber





martedì 13 novembre 2012

- Keep calm and sew on...



Quasi un ripro-post




Potrei anche spendere 20.000 parole messe in fila per bene in modo da far risultare piacevole la lettura, ma il succo del discorso rimarrebbe sempre che... non sopporto più nessuno, avrei proprio bisogno di una vacanza nell''Isola che non c'è.

E' solo martedì e:

- mio marito rompe le palle

- i miei figli rompono le palle

- mia sorella rompe le palle

- la sciura Lidia ci pensserà fra poco

Sembra un nuovo sport nazionale, qualcun'altro vuole partecipare?

sono aperte le iscrizioni...


...avrei proprio bisogno di questo (clicca), qualcuno mi ci potrebbe mandare?

 
Buona settimana

( teng che fà...sun ciapada...gò da far...tein de fè...)


L'altro di me - Fabio Concato



lunedì 5 novembre 2012

Mon Lundì...




Un po’ di dolcezza per chi oggi ha l’amaro in bocca…


Buon Lunedì...


Perché tu mi piaci


                  (Consigliato)



Radical Face - Welcome Home


martedì 23 ottobre 2012

- Me la canto e me la suono...




In un giorno qualsiasi, hanno telefonato:

1 volta la Tecnocasa, voleva sapere se avevamo bisogno di una valutazione dell'appartemento

2 volte la Telecom, per proporre le ultime offerte..

3 volte l'Edison, per offrire alcune agevolazioni sulle tariffe in previsione dei prossimi aumenti

1 volta Sky per le super offerte per quelli già abbonati

e dulcis in fundo:

- driiin...driiin...

- (la sciura Maria, me medesima) Pronto?

- (La gentilissima di turno) : Signora Adriana? qui è la ....Biip...(meglio non fare una cattiva pubblicità)

- La fermo subito signorina, ci dev'essere un errore, non sono la signora Adriana

- Non importa, questo numero è il suo??

- Scusi... che domanda è?

-Intendevo dire che la signora Adriana...

- Allora non mi ha capito, qui non vive nessuna signora Adriana... :)

- Non importa signora, allora... mi interessa sapere se questo numero è il suo...

- Ripeto...che domanda è? Lei non sa a chi sta telefonando, non le interessa sapere con chi sta parlando e vuol sapere se questo è il mio numero? Potrei dirle no, il mio è 90-60-90
oppure potrei dirle che questo l'ho preso in prestito...

- click....

...poverine, a volte "Le Gentilissime di Turno" sono proprio delle dilettanti allo sbaraglio, o io sono proprio una vecchia strega......

mmmmh, mi sa che è la seconda che ho detto!
 
ps. e visto che ci sono, lascio a Gianluca e alla sua dieta un mio personalissimo pensiero :

Tibi mentula parva est (la traduzione la trovi su google)!



Mannarino - La Strega e il Diamante



giovedì 18 ottobre 2012

- "Per i collaudatori di certezza, da sempre con le mani in mano."


Buoni propositi per le prossime ore...(citazioni)



che si sappia:

Non tutto quello che vacilla, cade. M. E. de Montaigne


Secondo me la donna è donna da subito.
Un uomo è uomo a volte prima, a volte dopo..a volte mai! "  G.Gaber

Io ci ho sofferto ma ricorda, tu ci hai perso. Anonimo

(….) esistono percorsi mentali femminili nei quali un uomo non ha alcuna speranza di orientarsi.
Geppi Cucciari - Meglio donna che male accompagnata


Quando un uomo ferito scappa non va da nessuna parte. Una donna ferita non la trovi più neanche se resta. Anonimo

Certo che le donne sono un’altra razza. Con la bandana o gli sguardi catarifrangenti da Barbie, con le grandi pance davanti o con l’uomo sbagliato addosso, innamorate di un gatto o tradite dall’ombra della felicità, abbandonate all’angolo di una piazza o tagliate da un improvviso dolore, si fermano un istante per piangere, poi sollevano il capo e riprendono la strada…

Sono maestre di dignità le donne… Antonello De Sanctis

Accada quel che accada, anche il sole del giorno peggiore tramonta. Anonimo

Lana Del Rey - Ride



lunedì 15 ottobre 2012

- Le parole sono pietre...


"  L' autunno "

(artista Luca Candidi)



"L'ulivo è un albero che non perde mai le foglie", ma quando arrivò il freddo si ritrovò "diverso".
"Gli altri alberi perdevano le foglie", lui invece rimaneva frondoso e "verde". Per certi versi solo. "Per questo decise di scrollarsele".
Si spogliò. Una scelta coraggiosa, che però subito non lo aiutò. Fu un piccolo albero piantato accanto a farlo. "All'inizio non si capivano, ma parlando, parlando, con il tempo diventarono amici. E così superarono l'autunno". Le foglie rispuntarono.


"E da quel giorno vissero tutti in allegria". (venerdì 12 ottobre, fonte la Repubblica.it)

"Parlatevi e vivremo tutti in allegria"


...
penso che, fiumi di parole scritte su carta stampata, migliaia di parole sprecate nei vari talk show, pareri di psicologi, assistenti sociali, giudici "nani e ballerine", non possano spiegare, come questo piccolo tema scritto dal bimbo conteso, basterebbe "ascoltare". In queste parole c'è tutto, la tristezza e la speranza, la forza e il coraggio...la fiducia e la pazienza, la consapevolezza....il problema e la sua soluzione!

Buon domani Bimbo...




mercoledì 10 ottobre 2012

- Sono una donna decisamente IN...






Ebbene sì, diciamolo pure, sto in-vecchiando malamente, sono intollerante, insofferente, inacidita, intransigente, impulsiva, incazzata...insomma sono parecchio IN.

So anche che, in questi casi, sono anche parecchio stronza, ma, se al supermercato hai uno, due o tre prodotti da comperare, non puoi pretendere che alla cassa ti lascino passare (io lo faccio sempre però)...ecchecavoli, ognuno ha i razzi suoi, e tutti abbiamo fretta chi per una cosa chi per un'altra...allora che fai?

Toh, guarda le casse veloci...grande servizio se non fosse che...

LEI signora dal carrello che traborda di roba

Lei signora che (senza offesa) è poco incline alla tecnologia

Lei signora che ci mette più di un minuto per cercare il codice a berre da scansare sulla fotocellula

Lei signora che fa scattare ogni 2x3 il segnale "Dlindlindlin" poichè l'articolo non è passato dato che c'ha il ditino sopra il codice, e quindi, ha bisogno del commesso di turno che le risolva il problema

Lei signora che ha migliaia di monetine da dover utilizzare, e che le vuole usare tutte per pagare, dopo che ci ha messo venti minuti per terminare e che, con calma, ripone i prodotti nel carrello in ordine di ingombro...

Lei signora .....

mi dia retta, ascolti un consiglio...lasci perdere le casse veloci, si metta in fila alla cassa normale, scambi 2 parole con le altre massaie come noi, perchè è vero che "ad essere giovani s'impara da vecchi", ma è anche vero che la "voce" delle casse veloci è crudelmente implacabile e continuerà a ripetere: "riporre tutti gli articoli nel sacchetto.... ricordati di ritirare lo scontrino e il resto grazie"
alla quale sarà inutile rispondere stizzita: " UN ATTIMO!"



FOJA - 'O sciore e 'o viento

giovedì 4 ottobre 2012

- Come uccidere una donna con gentilezza...




Ore 8 e 37, salgo sull'autobus che mi porterà "ingiroingiro". E' una bella giornata d'autunno, il clima è mite e si sta bene, è una di quelle giornate che ti piacciono perchè sai che in quel momento tutto è al posto giusto, il marito è al lavoro, i figli anche (mia figlia magari no perchè lei ha tempi nobili) la sciura Lidia (la mia mamma) è a casa in altre faccende affacendata, e così ti appresti a goderti una mattinata tutta per te. Dicevo, salgo sull'autobus, (che bello non è neanche troppo pieno) oblitero il mio biglietto, prendo una posizione comoda per non ostruire il passaggio altrui e.....ZACK, una pugnalata al cuore... una voce maschile giovane e gentile chiede: " Prego signora vuole sedersi?" e...e lì io morendo dentro, realizzo che sta dicendo a me che, a quanto pare ormai, sono una donna diversamente giovane ( a 53 anni portati discretamente?)... rispondo sorridendo "no grazie" e penso "meno male che era una bella giornata"!

Non sempre essere gentili è cosa buona e giusta...porcapuzzola!



( un canzone da ascoltare, seria e bellissima per un post ironico, ma a me piace "spettinare" le cose)



martedì 2 ottobre 2012

- Un momento di trascurabile dolcezza...






"E bastava un' inutile carezza a capovolgere il mondo…"

Ada Merini


Auguri ai nonni... ( grazie a Sara per averlo ricordato)






martedì 25 settembre 2012

- Donne du du du....



Prima o poi, più o meno, capita a tutte di "giocare a vegeto" davanti alla TV e, anche se sintonizzate su un canale dove magari c'è un documentario sulla vita dei "Gabbiani di Scogliera", ecco che arriva lei, la malefica pubblicità che, oramai, ci viene obbligatoriamente sbattuta in faccia dappertutto, e non serve a niente cambiare canale, perchè i perfidi pare abbiano una sorta di regola, tutti all'unisono : PUBBLICITA'.

Ok, accettiamo di subire questo bombardamento di consigli per gli acquisti, ma...eh no porcapuzzola, possibile che quelle prese di mira siano sempre le donne? Eh sì carine, perchè non solo ci fanno capire che, a differenza di quel che crediamo, non godiamo di ottima salute e sì belle mie "la cellulite è una malattia" (perchè ricordatevi signore donne che un sedere senza cellulite non è un sedere perfetto, è il sedere di un uomo).... abbiamo la cellulite, le doppie punte, le rughe, e i peli superflui, noi donne normali siamo delle vere schifezze...sappiatelo.

Siamo sfigate, sfigatissime, esempio? Ecco che...spunta la postina che ha problemi con la dentiera, e che non può mangiarsi una bella fetta di torta con le nocciole, senza sentire dolore, alla quale però si è trovato un rimedio, l'adesivo super perfetto che allevia l'irritazione...

Ma mangia la torta oggi mangia domani, arriverà il momento che anche la postina avrà bisogno delle compresse bruciagrassi o dei cereali ricchi di fibra ai frutti rossi.

Ma si sa che dimagrendo poi le tette si afflosciano, e vuoi non usare la crema rassodante o il nuovo reggiseno perfetto di Anna, Francesca Emma Claudia Tiziana Simona (no, Eugenia non c'è quindi niente reggiseno) ecc...?

Evviva, risolto il problema seno però hai sempre quel gonfiore alla pancia, dovuto al mancato equilibrio della flora batterica intestinale che blocca il transito, tranquille signore mie c'è lo yogurt miracoloso che, con il bifidus attivo, risolve problemi di stitichezza e di pancetta.

Beh dai, problemi risolvibili, del resto siamo donne "dolcemente complicate", ma ecco che...per quelle della mia età, i problemi non son finiti, ehhh sì... hai presente quelle vampate di calore che arrivano all'improvviso? Bene, tutto a posto con l'integratore in compresse  che riduce le vampate, irritabilità e disturbi del sonno, dimagrisci e ritorni giovane...Insomma la menopausa diventa solo un brutto ricordo.

Eppure benedette donne, non lo sapete che a tutte le età è quel fastidiosissimo prurito intimo ad affligerci? E allora, ecco la pomata da spalmare proprio lì, o la magica polverina rosa...che specifica: attenzione da sciogliere in acqua e per uso esterno NON BERE...

E per quei giorni? Niente paura, per le piccole perdite giornaliere, come non desiderare uno salva slip che ci terrà fresche fino a sera, ma mi raccomando quello sottile come un velo...e per le meno giovani? ...ecco quelli filtranti profumati, sia mai che ti trovassi in ascensore con un uomo, che, se anche soffri di prolasso vescicale...nessun odore e nessun problema.

E dopo questa carellata di prodotti, che ti hanno distrutto psicologicamente, moralmente, fisicamente...

arriva L U I , bello come il sole, abbronzato, muscoloso, misterioso, fascinoso, profumoso e oso oso oso... a cui è bastato un semplice bilama e...voilà un perfetto e delicato pelo e contropelo!


Gianluca Grignani - Una Donna Così





giovedì 20 settembre 2012

- Una Donna, una Mamma, una Moglie....





...e se non bastasse...





...e scusate se è poco!


Buon Dì...





Una donna talmente normale
che rischia di sembrare originale
uno strano animale, debole e forte
in armonia con tutto anche con la morte.



lunedì 17 settembre 2012

- In belle parole...


QUASI...




" Ancora peggiore della convinzione del no, è l’incertezza di un forse, la disillusione di un quasi!
E’ il quasi che mi dà fastidio, che mi intristisce, che mi uccide portando con sé tutto ciò che avrebbe potuto essere e non è stato.
Chi ha quasi vinto gioca ancora, chi è quasi stato promosso studia ancora, chi quasi ha amato?
Non ha amato.
Basti pensare alle opportunità che sfuggono tra le dita, alle chance che si perdono per paura, alle idee che mai usciranno dal foglio per questa maledetta mania di vivere nell’autunno. Mi chiedo, a volte, che cosa ci porta a scegliere una vita tiepida.
La risposta la so, è stampata nella distanza e nella freddezza dei sorrisi, nella mollezza degli abbracci, nella indifferenza dei "buon giorno" quasi sussurrati.
C’è troppa codardia e manca coraggio perfino per essere felici.
Il nulla non illumina, non ispira, non affligge né calma, amplia soltanto il vuoto che ognuno di noi porta dentro di sé.
Preferire la sconfitta al dubbio della vittoria significa sprecare l’opportunità di meritare.
Per gli errori c’è perdono; per i fallimenti, opportunità; per gli amori impossibili, tempo.
Non serve a niente costruire recinti intorno a un cuore vuoto o economizzare l’anima.
Perché, mentre chi quasi muore è ancora vivo, chi quasi vive è già morto. "

Luis Fernando Veríssimo


"La risposta la so, è stampata nella distanza e nella freddezza dei sorrisi, nella mollezza degli abbracci, nella indifferenza dei "buon giorno" quasi sussurrati."



Mannarino | Elisir d'amor







mercoledì 12 settembre 2012

- Premio simplicity... ...



Grazie all'amica Lella del blog


che ha voluto donarmi il
premio simplicity




...un premio pensato per le blogger che parlano di sé e fanno vedere il loro punto di vista.

Le regole del premio :

1) rispondere alla domanda "Che cos'è la semplicità?"
2) dedicare un immagine a chi ha donato il premio
3) passare il premio a 12 blogger

La semplicità per me è la trasparenza e la naturalezza .



Questa è l'immagine che dedico a Lella ringraziandola immensamente!

...e per la terza regola passo il premio a coloro, tra gli amici che mi seguono!








lunedì 10 settembre 2012

- Per la volontà e la pazienza...


"Non importa se un giorno saremo vecchi,
se i nostri capelli diventeranno bianchi
e il nostro viso si coprirà di rughe,
cammineremo sempre fianco a fianco,
anche a fatica.
E sarà bello dimenticarci le cose:
dimenticare di aver già detto "ti amo"
e ripeterlo ancora."
( unknown)





...avrei voluto un boquet così, ma si sa, le suocere a volte hanno manie di grandezza, e la mia evidentemente non si rassegnava al fatto che avessi scelto un abito da sposa talmente semplice che sembrava uno della prima comunione, del resto a 20 anni mica si vuol apparire eccessivamente o perlomeno io no di certo.

Ero timidissima, tanto tanto tanto giovane, una bimba mannaggia a me, ma, ai miei tempi, dopo 4 anni con lo stesso ragazzo, o ci si sposava o...

ed eccomi qui dopo 33 anni ancora a pensare a quel giorno: domenica 9-9-79

Eh sì, il Baffo è stato il mio primo e unico ragazzo (porcapuzzola, un po' più d'esperienza mica mi sarebbe dispiaciuta, così, giusto per un confronto ehh!!)

Quindi, dicevo, come bouquet mi arrivò a casa, una cascata di orchidee che mi accompagnò all'altare, era enorme, pesante, tanto che se poi lo avessi lanciato, avrei sfigurato seriamente qualcuno visto la consistenza dell'insieme.... e appunto, non feci il lancio di quest'ultimo, disfai il boquet e regalai un'orchieda ad ognuna delle "zitelle" presenti...

Ricordo che l'unica cosa che avrei voluto era che quel giorno passasse in fretta (troppi occhi puntati addosso, non faceva per me) e infatti è passato quello e, in frettissima, ne sono passati molti altri ahimè!

Tornerei indietro?? Cerrrto che sì...Baffo e bouquet compresi!

Buon anniversario Baffo...

- "Come siete riusciti a stare insieme per 65 anni?""
- "Siamo nati in un epoca in cui le cose rotte non si buttavano, si aggiustavano".
cit.-


JUST THE WAY YOU ARE BARRY WHITE