sabato 26 maggio 2012

- A presto...




Blog in pausa...



Non scrivo poesie
tra pentole e caffè
sulle sedie
rigide della cucina
e nei panni
buttati nel bagno.

Mi muovo solitaria
nella preghiera
dei giorni di casa
fra gesti precisi
felici
della mia abitudine.

Così sudo e consumo
la fretta delle ore
che stridono
musiche alla sera
per la cena
di ogni giorno.


Marni 




...a presto...



The Golden Fly Two - Alessandra Celletti




giovedì 24 maggio 2012

- Ilarità....



Eh sì, quando si "lovva" si lovva...

































anche i bimbi "lovvano"








...e stasera tutti a fare un bel...





... lovviù...






martedì 22 maggio 2012

- Solo un post...





Caro Orso, mi chiedi un nuovo post...

io per scelta, nei miei post cerco di buttare un po' tutto "in vacca", spiego: mi piace l'ironia nel racconto, mi piace non prendermi e non prendere molto sul serio le cose che scrivo , mi piace strappare sempre un sorriso anche per le cose più "serie" che lascio nel mio blog, ma come si fa in questi giorni provare a fare dell'ironia? Sabato Brindisi, domenica Modena- Ferrara ecc.. ieri Brescia, insomma la cronaca in questi giorni è talmente piena di tristezza che francamente è difficile essere ironici anche a volerlo. Ecco perchè scelgo di pubblicare le parole di altri, io non ne trovo per oggi...domani chissà!

"Dice un proverbio arabo che ogni parola, prima di essere pronunciata, dovrebbe passare da tre porte

Sull'arco della prima porta dovrebbe esserci scritto: " È vera?"

Sulla seconda campeggiare la domanda: " È necessaria?"

Sulla terza essere scolpita l'ultima richiesta: "È gentile?"

Una parola giusta può superare le tre barriere e raggiungere il destinatario con il suo significato piccolo o grande.

Nel mondo di oggi, dove le parole inutili si sprecano, occorrerebbero cento porte, molte delle quali rimarrebbero sicuramente chiuse."

(Romano Battaglia - "Silenzio")


...e io? Beh io dovrei assomigliare di più alle parole che scrivo... 


 Florence + The Machine - Breath Of Life

( grazie a Sara e London per avermela fatta conoscere)


sabato 19 maggio 2012

- Un sabato italiano :

...un giorno di ordinaria follia...






A Brindisi non è scoppiata una bomba

ma è stato strappato un fiore!




Ciao Piccola...



Modena City Ramblers - "I cento passi"



giovedì 17 maggio 2012

- STOMP...io c'ero...








...forse dovrei guardare più spesso la mia carta d'identità...(grrrrr)

...forse dovrei darmi solo all'uncinetto e lasciare certe cose agli sbarbati

...forse però, un pizzico di follia ci vuole ogni tanto...



 











lo spettacolo degli STOMP ha entusiasmato anche una vecchia babbiona come me!
Fantastici a dir poco, geniali
a dir niente, grandi a dir....
forti forti forti!









Ritmo puro, "vera magia metropolitana in un delirio artistico travolgente, in cui i rumori e le sonorità della civiltà urbana contemporanea diventano una sinfonia intensa e appassionante. STOMP l'energia del ritmo..." mai avrei pensato che dal semplice rumore di una busta di plastica o da un sacchetto del pane potessero uscire suoni che si trasformano in un insieme di ritmo e musica...






ho scoperto che non esistono i "rumori" esistono solo suoni, che menti un po' "malate" hanno saputo mettere insieme tanto da farne uno "spettacolo spettacolare" esperienza unica e irripetibile, stupore ed entusiasmo inaspettatamente insieme in una miscela travolgente!






Buona visione...





mercoledì 16 maggio 2012

- Faccio l'orlo...







Eh sì...la Piccirì mi ha cazziato, mi ha detto: "non mi piace che tu faccia il copiaeincolla degli scritti di altri anche se belli, scrivi qualcosa di tuo, e non è vero che non sei
bla bla bla bla...." Piccirì... risponderò come feci col pirletti a suo tempo. E siccome le cose non sono cambiate non mi resta che rimandarti ad un mio vecchio post:
I figli sò piezz e...(clicca)


************************************************************************************************


Perchè sai Piccirì ...poteri parlare del Rispetto, potrei parlare dell'Amicizia dell'Amore, potrei parlare della delusione, potrei parlare del tempo che passa o di quello sprecato, potrei parlare di pioggia o di vento, dei ricordi, potrei parlare della pazienza, del giudizio, del punto croce o del decupage, di poesia o di cucina, potrei parlare di figli e di madri, potrei perfino parlare di me...sì, potrei... ma

... preferisco fare l'orlo al mio oggi!


contenta Piccirì?

Buon dì....








lunedì 14 maggio 2012

- Così, per dire...






"Per chi vuole vederli ci sono dei fiori dappertutto"

Henri Matisse



...e checchè se ne dica, a me mi piace il lunedì...ehh sìsì...





Ti auguro.... buon umore...





venerdì 11 maggio 2012

- Sono pigra...






Io, più di ogni altra cosa, sono pigra.
Sono pigra in tutto, nelle decisioni, nelle azioni, nelle emozioni.
Sono pigra la mattina, quando fatico a svegliarmi, sono pigra il pomeriggio, quando procrastino all’infinito.
Sono pigra negli inizi, sono pigrissima nelle fini.
Sono pigra quando devo cominciare una nuova vita e posticipo sempre e dico di no agli inviti e dico vengo dopo e poi non vado e resto a sguazzare nella pigrizia di chat lunghe, di divano, di libri lasciati a metà, di pantofole calde, di lunghissime docce bollenti, di telefonate mai fatte, di email mai spedite, di lavori da finire, di gatto che miagola e mi fissa.
Sono pigra e malinconica e poi di colpo faccio mille cose per riuscire ad avere il tempo libero di non fare nulla.
Mi piace perdere tempo per poi sentirmi in colpa per averlo perso. È un godimento malato e perverso.
Più di ogni altra cosa sono pigra. E aspetto solo perché è meno faticoso di cercare.
Non ho un cane perché sono troppo pigra per portarlo giù a pisciare. Non fumo perché sono troppo pigra per andare a comprare le sigarette.
Adesso mi è finito il caffè, ma sono troppo pigra per andare a comprarlo.
Mi faccio un tè. A me fa schifo il tè, ma sono pigra.
Più di ogni altra cosa sono pigra.
Quindi bevo il tè e aspetto la tua telefonata. Se non chiami tu, io non lo farò.
Più di ogni altra cosa sono pigra. Però sono anche un po’ stronza, mi dispiace.... (malafemmena)

....anzi no, non mi dispiace affatto! 


Buon..............................................



Simona Molinari - Egocentrica  




mercoledì 9 maggio 2012

- IL DANNO...








Ha quindici anni, una ragazzina della provincia di Lecco, quindici. Suo padre, piccolo imprenditore, ha ricevuto l’ennesima cartella esattoriale. Non ce la fa più, esce, appende i suoi quarant’anni a un albero in giardino. Lei vede il papà impiccato, accorre, lo tiene sollevato con tutta la forza che ha, chiama in soccorso la mamma. I medici dell’ospedale di Lecco dicono che l’uomo se la caverà. Sua figlia l’ha salvato. La notizia finisce qua.

Ma a te chi ti salverà, ragazzina? Chi ti rimboccherà la vita come una coperta perché possa scordarti di tuo papà che oscilla al vento? Quale danno è stato compiuto nel tuo cuore? Quale uomo avrà mai la forza di sollevare il mare e porgertelo in dono, così come tu, oggi, hai rovesciato il mondo.

Diego Cugia



...penso non ci sia niente da aggiungere....







lunedì 7 maggio 2012

sabato 5 maggio 2012

- In the per me... (milanglese)...

- traduzione: tra me e me...





"- Alice, ma tu ogni tanto impari qualcosa dalle tue esperienze passate o cosa?
- Cosa."



...e comunque, la maggior parte dei problemi si risolvono "riavviando". La restante, lasciando perdere.

 


Buon domani...









mercoledì 2 maggio 2012

- "Io cambierò..."







"metto la testa a posto, vado avanti, rigo dritto, scelgo la vita. Già adesso non vedo l'ora, diventerò esattamente come voi: il lavoro, la famiglia, il maxitelevisore del cazzo, la lavatrice, la macchina, il cd e l'apriscatole elettrico, buona salute, colesterolo basso, polizza vita, mutuo, prima casa, moda casual, valigie, salotto di tre pezzi, fai da te, telequiz, schifezze nella pancia, figli, a spasso nel parco, orario d'ufficio, bravo a golf, l'auto lavata, tanti maglioni, natale in famiglia, pensione privata, esenzione fiscale, tirando avanti lontano dai guai, in attesa del giorno in cui morirai."

...beh Mr G...mi hai chiesto un post su questo? eccolo...

Cosa credevi che ogni giorno fosse Natale? O che la quotidianità fosse sinonimo di banalità?
lo è solo se lo vuoi e non importa se fai l'impiegato in banca o se sei Indiana Jones...

Ora come ora la vera originalità sta nella normalità!

Tutti tendiamo a voler essere originali, cercare di uscire dagli schemi, volere essere diversi...ma diversi da chi? Da noi stessi?
Perchè ammettiamolo, dopo aver vissuto una parte della vita in maniera casual...beh l'unica cosa che vogliamo, è un pizzico di normalità: la torta di mele, il profumo di casa, il geranio sul davanzale...

Il problema non sarà più cosa fare il sabato sera, ma..."oh oh si è rotta la lavatrice!" Essere alternativi è godersi ciò che la vita ti pone davanti... che non equivale ad arrendersi, ma essere forti tanto da lasciar perdere l'utopia di una vita "spericolata" -Non voglio appertenere alla massa- Sono questi clichè che creano problemi perchè, l'originalità di ognuno, è ricchezza solo se è condivisa...a buon prezzo e tutto compreso!

Good luck Mr G...

Aforismi del giorno:

"Forse la cosa migliore è smetterla di pensare a dove sei diretto… e goderti dove sei."
(B. Lawrence)

"Tutto quello di cui sento il bisogno è qui, in questo andare lento, calpestando pietre disuguali. Le felicità misteriose sono fatte di niente."
(Cecilia Resio)



Take Five - The Dave Brubeck Quartet