mercoledì 9 maggio 2012

- IL DANNO...








Ha quindici anni, una ragazzina della provincia di Lecco, quindici. Suo padre, piccolo imprenditore, ha ricevuto l’ennesima cartella esattoriale. Non ce la fa più, esce, appende i suoi quarant’anni a un albero in giardino. Lei vede il papà impiccato, accorre, lo tiene sollevato con tutta la forza che ha, chiama in soccorso la mamma. I medici dell’ospedale di Lecco dicono che l’uomo se la caverà. Sua figlia l’ha salvato. La notizia finisce qua.

Ma a te chi ti salverà, ragazzina? Chi ti rimboccherà la vita come una coperta perché possa scordarti di tuo papà che oscilla al vento? Quale danno è stato compiuto nel tuo cuore? Quale uomo avrà mai la forza di sollevare il mare e porgertelo in dono, così come tu, oggi, hai rovesciato il mondo.

Diego Cugia



...penso non ci sia niente da aggiungere....







13 commenti:

  1. ...post difficile da commentare, ma non sempre si può ridere, ogni tanto fermarsi a riflettere sulle miserie umane è un dovere.
    Ho trovato questo scritto tanto, ma tanto, pieno di compassione nei confronti di quella piccola creatura da non poter fare a meno di condividerlo con chi, anche per caso, passa di qui!
    Un sorriso speranzoso...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se ne sentono talmente tante in questi giorni, che forse la cosa peggiore è pensare SOLO ai gesti disumani e disumanizzanti che l'uomo riesce a compiere quando non trova una via d'uscita..

      raramente ci si accorge quanto poi la vita (in questo caso la ragazzina) è capace di riprenderti con tutta la sua forza..la stessa forza che ora, spero, possa far andare avanti quel povero uomo disperato.

      quasi mai ci si rende conto che, purtroppo, la forza donata dalla bimba al padre le ha lasciato un vuoto dentro..

      Hai fatto bene gabby..a volte fermarsi a riflettere fa moolto bene!
      Lo facessero tutti..sarebbe un mondo migliore..forse.

      Un bacio riflessivo
      Piccirì

      Elimina
    2. ...sì Piccirì, ogni giorno "Uno"...ogni giorno la notizia scorre veloce. Pensa a quella povera ragazzina, come in un attimo, sia diventata adulta nel buoio della disperazione che l'accompagnava e che la compagnerà...che il Cielo la guardi!

      Bacione a te...fai la brava e mangia!

      Elimina
  2. Eh si, non sempre i tuoi post sono facili da commentare. Infatti per questo non c'è da aggiungere nulla. Le miserie umane sono tante.
    RobRoy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...lo so RobRoy, ma non importa, sono riflessioni condivise anche se rimangono silenziose!
      Hai ragione, le miserie umane sono tante...

      Grazie!

      Elimina
  3. Mi è venuto da piangere,così...spontaneamente.In poche righe la tristezza del mondo,un po' anche la mia...

    RispondiElimina
  4. ...già Kiara, dici bene, tanta disperazione e tanta tristezza in poche righe. Alla tua stringo la mano e regalo un forte abbraccio...

    RispondiElimina
  5. Dopo quello quello che ha fatto penso che quella bambina sia abbastanza forte per conto suo

    RispondiElimina
  6. ...glielo auguro Mr. Joe, anche se per diventare forte il prezzo è stato alto! Grazie per la visita, un abbraccio, a presto...

    RispondiElimina
  7. Una cosa molto triste. Spero che la ragazza sia abbastanza forte per superare tutto questo. E se non è forte che lo diventi presto.

    RispondiElimina
  8. ...eh sì Sara, è quello che ci si augura tutti! Tanta fortuna a questa ragazzina diventata famosa suo malgrado! un abbraccio e grazie!

    RispondiElimina
  9. orsetto bianco14 maggio 2012 08:07

    c'è un baratro tra il duca arroccato nel suo castello ed i servi della gleba nelle loro misere capanne
    Il duca non sa più vedere sentire gli uomori la rabbia la disperazione della sua gente
    Finirà nel sangue non è difficile da prevedere...ma il duca non cambia la sua gestione va allegramente verso il baratro
    Perchè la storia non insegna mai niente ai potenti?
    Buona giornata

    RispondiElimina
  10. buon giorno Orso, dici bene, la storia non insegna niente ai nostri sordi governanti...e chi ci rimette sono sempre gli stessi!

    RispondiElimina

Grazie per la visita, a presto...